10 libri da leggere (o non leggere) in gravidanza


Articoli / giovedì, gennaio 4th, 2018

Appena saputo che il test di gravidanza era positivo una strana sensazione di essere totalmente ignorante sull’argomento mi ha assalito e, al crescere di giorno in giorno, ho iniziato a cercare ansiosamente i 5 (fai anche 10, meglio abbondare…) libri che ogni donna dovrebbe leggere in gravidanza dimenandomi tra forum di mamme, al femminile, yahoo answers, ecc. ecc.
Di seguito la lista di quelli che ho comprato – e rigorosamente letto ovviamente!

1. COSA ASPETTARSI QUANDO SI ASPETTA di Heidi Murkoff e Sharon Mazel

E’ il classico libro-Bibbia, la panacea di tutti i mali, l’ancora in mezzo all’oceano, il best-seller n° 1 negli States, insomma non si può non averlo nella libreria anche solo per una questione di coscienza. Ammetto che le dimensioni spaventano, infatti mi ero promessa di leggerlo settimana per settimana seguendo i giorni reali della gravidanza ma non ce l’ho fatta…. volevo arrivare alla fine perché dovevo scoprire cosa succede alla fine mannaggia!! Così al sesto mese ero già arrivata alla parte sulla cura del neonato nei primi giorni. Devo dire che è molto utile perché ha tantissime domande sui possibili disturbi in gravidanza e su una loro ipotetica soluzione o perlomeno una misera causa che giustifica il dolore, anche solo per non far brutte figure con il ginecologo chiamandolo ogni due per tre.
Molto molto utile ma se siete tendenti al paranoico non vi divertirà leggere delle tremila possibili malattie/disturbi che potreste incontrare nei futuri mesi (fortunamente la percentuale di averli tutti è bassa….). Sconsigliato se siete ipocondriache. Consigliato a chi vuole avere il LIBRO DELLE RISPOSTE sulla gravidanza sempre a portata di mano.

2. IL BELLO DEL PANCIONE di Kaz Cooke

Questo libro, forse inconsciamente, l’ho comprato per risposta al primo. E’ il classico libro sulla gravidanza che cerca di sdrammatizzare e di farti abbassare la soglia dell’ansia buttandola sul comico. In effetti essendo strutturato come un diario diviso in settimane ci si immedesima nelle “sventure” della protagonista che tra una battuta e l’altra cerca anche di dispensare consigli più o meno seri sull’argomento. A posteriori non lo ricomprerei, non c’è scritto nulla di così essenziale che non sia già scritto nel libro-Bibbia sopracitato.

3. BEBE’ A COSTO ZERO di Giorgia Cozza (3° edizione aggiornata – vuoi mica non avere l’ultima?)

Questo volume è stato una sorta di bussola per guidarmi attraverso gli scaffali di Prenatal, Iperbimbo e tutti i megastore di articoli per bambini. Prima di averlo comprato la mole di articoli presenti nei negozi mi stava scatenando una certa orticaria da gravidanza presente negli esemplari femmina della specie “poracce”. Tralasciando la questione economica c’era quella di ordine mentale e di principi della fisica: tutta quella roba in casa mia non ci sarebbe mai stata! (e non ce la volevo) e, ad ogni modo, non ce l’avrei mai fatta a rimettere in ordine tutti quegli arnesi.
A parte gli scherzi, questo libro è strutturato bene e ti fa capire razionalmente cosa serve veramente ad un bambino e cosa serve soltanto per appagare la nostra ansia da “non voglio fargli mancare niente che poi magari soffre”. La frase chiave è “l’idea fondamentale che sottende questo volume è che l’unica cosa di cui ha estremamamente bisogno il bambino è l’abbraccio e il tempo dei suoi genitori, nulla più”. Tralasciando gli ovvi estremismi credo che chiarisca bene il concetto che se al bambino non compri il sonaglio milleluci con le melodie di Mozart e Bach crescerà lo stesso e non si accorgerà neanche della “mancanza”. Consigliato alle mamme che si interessando al mondo green, ecobio perché è veramente un libro orientato verso il basso impatto ambientale dell’evento nascita. Argomento TOP: i pannolini lavabili.

4. PANNOLINI LAVABILI di Giorgia Cozza

Comprato a seguito delle tremila domande seguite al capitolo sui pannolini lavabili del libro precedente ed è forse il manuale più completo sull’argomento con diversi consigli pratici.
Grazie a questo libro sono giunta ad una mia organizzazione mentale su come acquistarli e gestirli quindi direi che potreste comprarlo nel caso siate orientate al riguardo, altrimenti passate al prossimo libro.

5. INNAMORARSI DEL PANCIONE di Miriam Stoppard

E’ uno di quei libri che definirei “emozionali”. Dopo averlo letto ti lascia quella sensazione di averti arricchito dentro anche se non ti ricordi neanche un passo del libro perché la tua memoria in gravidanza è pari a quella di un pesce palla. L’autrice è un pilastro della letteratura per neomamme in Inghilterra e nel mondo, e quello che mi ha stupito è proprio l’approccio “sentimentale” nonostante sia una ginecologa di professione. Utile a capire che si può iniziare a porre le basi per un giusto rapporto con tuo figlio già dal pancione, pensandolo, accarezzandolo e, perché no, leggendogli già qualche fiaba per bambini. Consigliato alle mamme che vivono di pure emozioni e poco interessate ai dati statistici sulla crescita del feto.

6. I NUOVI GENITORI di Miriam Stoppard

L’intenzione era quella di leggere questo libro in due contemporaneamente ma purtroppo tutto questo finirà nei buoni propositi non realizzati per il 2017! Magari ad altri andrà meglio …. Ad ogni modo questo libro è principalmente per l’aspirante mamma ma ha diversi specchietti riassuntivi e consigli per il papà in modo da fargli capire più o meno velatamente che si deve dar da fare anche lui, non solo dopo che vedrà la creatura! Può benissimo fare da preambolo ad un libro completamente dedicato al papà da comprare in seguito per concludere la preparazione del neopapi ignaro di tutta questa macchinazione alle sue spalle.

7. L’AGENDA DELLA MIA GRAVIDANZA di Giorgio Gottardi e Serena Viviani

Avendo l’abitudine di tenere un’agenda lavorativa di discrete dimensioni mi è venuto naturale cercarne una dedicata all’evento. Devo dire che questa è abbastanza spaziosa per appuntare tutto e contiene anche di fianco consigli utili da leggere nelle varie settimane. Non sarei riuscita a farne a meno per via della memoria che mi ha letteralmente abbandonato sin dai primi mesi (non che ne fossi riccamente dotata anche prima….). Ad ogni modo trovo sia molto utile da poter rileggere successivamente per rivivere l’evento e magari farla leggere alla propria figlia quando sarà il momento. Un bel ricordo! Ah, contiene un utile DVD con esercizi di Yoga.

8. IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI NEONATI di Tracy Hogg

Questo libro l’ho comprato perché tutte nei blog/forum lo consigliavano e ne parlavano benissimo. Io l’ho condiviso fino ad un certo punto …trovo molto divertente la descrizione delle varie tipologie di bebé che possono capitare e gli schemini su come “ascoltare” veramente i vari bisogni del bambino e tradurne i gesti ma al di là di questo lo scopo del libro è farvi seguire il suo metodo: il metodo E.A.S.Y. In generale l’impostazione è abbastanza schematica e contro la tendenza dei corsi preparto odierni dell’allattamento a richiesta. Se siete già convinte che allatterete a richiesta allora fate prima a non comprare questo libro….lo trovo perfettamente in antitesi con quello seguente che mi ha consigliato la mia ostetrica: “Sono qui con te” di Elena Balsamo. In sostanza la morale di questo libro è: “non mettetevi completamente a disposizione del bambino o rischierete di impazzire. Dategli delle regole chiare che lui dovrà seguire perché questo metodo è il migliore che ci sia! Infallibile!” (A voi l’ardua sentenza….io vi ho avvisate).

9. SONO QUI CON TE di Elena Balsamo

Su consiglio della mia ostetrica del Centro Nascita ho acquistato questo volume che, devo dire, non è così diffuso nelle librerie. L’autrice è una pediatra ed infatti il libro risulta ben documentato con diversi riferimenti letterari, ci si può fidare della scientificità dei consigli presenti nel libro. Mi ha catturato sin dalle prime righe, è un libro sulla maternità “di pancia” e ti prende dritto al cuore. Non di quei sentimentalismi mielosi però. Inoltre è ricco di spunti sull’approccio alla maternità in diverse Nazioni e culture del mondo. Attualmente sono a metà libro ma credo proprio che lo finirò a brevissimo! Consigliatissimo a chi ha a cuore l’approccio alla maternità proposto da F. Leboyer. Frase preferita: “ il problema è che per capire il neonato bisogna nascere un’altra volta”. That’s it!

10. E DOMENICA? Di Teresa Porcella e Carmen Queralt

Concludo le mie recensioni con un libro non propriamente sulla maternità ma incentrato sul tema del canto in gravidanza. Questo è un tema che mi sta molto a cuore perché ho sempre amato cantare quindi per me non è uno sforzo concentrarmi su questo aspetto anche durante la gravidanza. Questo volumetto molto carino parla dei giorni della settimana e contiene una base musicale da cantare al bambino insieme alla voce guida che si recupera tramite un QR code. Il libro può essere poi riletto quando il pargoletto è più grande e ci sono diversi studi che dimostrano che il bambino sarà perfettamente in grado di riconoscerne la melodia perché l’aveva sentita quando era in pancia. Può essere utile per farlo addormentare quando è piccolissimo (poi vi dirò se l’esperimento in casa mia è riuscito).
Ho intenzione di comprare anche gli altri due volumi (“Notte e giorno” e “il fachiro bianca testa”) perché l’idea mi è piaciuta tantissimo e ringrazio la meravigliosa libraia Marta della libreria “Bufò” di Torino per avermelo consigliato come libro da leggere con la pancia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *